Prendersi cura della barba 8 modi

8 modi di prendersi cura della barba

L’articolo di oggi sarà un bel “mapazzone” come direbbe Chef Bruno Barbieri, ma non in termini qualitativi bensì quantitativi sugli 8 modi per prendersi cura della barba, in un articolo lungo e dettagliato.

Ovviamente, alla base del prendersi cura della barba, c’è la tua salute, che principalmente proviene dal suo interno, ed include fattori come ad esempio: quantitativo di acqua che bevi, la tua dieta e l’apporto di vitamine e minerali giornaliero.

Poi c’è la parte per prendersi cura della barba, che ha a che fare con un uso corretto dei prodotti per la barba per prevenire la forfora e la secchezza della barba, rendendo la tua barba morbida come una nuvola.

Infine, vuoi conoscere la manutenzione della barba, ovvero come domare e mantenere i peli del viso ottimamente, in modo da poter prevenire problemi come la barba arricciata o le doppie punte.

8 modi di prendersi cura della barba

1. Mantieni il tuo viso e la barba puliti

Mantieni viso e barba puliti prendersi cura della barba

Alcuni articoli, riguardo a delle barbe sudicie e sporche come dei sedili del water ed immagino bene la tua preoccupazione a riguardo.

Come era prevedibile, si trattavano solamente di tecniche di “clickbait”, che si sono dimostrate smentite, in quanto completamente imprecise e sbagliate, subito dopo che sono stati pubblicati dai maggiori organi di informazione.

In sintesi, alcuni giornalisti, non scienziati, hanno effettuato dei tamponi (sì, lo so basta con ‘sti tamponi!) prendendo come riferimento un paio di barbe per strada, scoprendo che contenevano alcuni degli stessi batteri che sono per la maggior parte contenuti sulle tavolette del water.

Una notizia ovviamente che ha avuto un effetto domino, ed ecco che decine e decine di articoli sulla barbe sporche come i cessi delle ferrovie hanno preso il sopravvento: una piccola omissione, questi batteri possono essere trovati particolarmente ovunque, dato che erano alcuni tra i batteri più comuni ai quali noi tutti siamo esposti (non solo la nostra barba).

Immediatamente sono stati pubblicati articoli sulle barbe sporche come i bagni, ma ciò che hanno abilmente omesso è che questi batteri possono essere trovati praticamente ovunque perché erano alcuni dei batteri più comuni a cui erano esposti.

E’ assolutamente comprensibile che, dopo aver appreso notizie come questa la maggior parte degli uomini si rifiutino di prendersi cura la barba, o peggio, la lavano due volte al giorno (anche lavarla troppo è deleterio).

Lo shampoo per barba è un fantastico rimedio per detergere la barba, ma occhio a non esagerare, o priverai la stessa degli oli naturali necessari che idratano naturalmente la barba.

Questo è il motivo per cui, quando si tratta di manutenzione della barba, consigliamo di utilizzare uno shampoo per barba per prendersi cura della barba e pulirla a fondo, ma solo 2-3 volte a settimana al massimo.

E sì, dovresti assolutamente usare saponi e shampoo per la barba specificamente per portare a termine il lavoro, poiché preserveranno gli importanti oli relativi al sebo naturale in una certa misura, rispetto ai normali shampoo che sono semplicemente troppo potenti per la barba.

2. Idrata e nutri il viso con un olio da barba

Olio da barba prendersi cura della barba

Per prendersi cura della barba, non esiste prodotto più comune e facile da reperire di un buonissimo e profumatissimo olio da barba.

Chiedi pure a chiunque: “Come faccio a prendermi cura della mia barba”, 9 persone su 10 ti consiglieranno di utilizzare dell’olio per barba.

Per l’uomo irsuto, dal pelo indomito, l’olio da barba è forse l’alleato d’eccellenza, per prendersi cura della barba alla perfezione.

Un olio da barba di qualità reintegra gli oli che perdi sotto la doccia, idrata e nutre la pelle sotto la barba, che potrebbe essere secca, ma soprattutto dona volume e lucentezza ai peli della barba, donando alla tua barba un aspetto e una sensazione di benessere e salute per prendersi cura della barba.

I prodotti contenenti oli vegetali polinsaturi dovresti evitarli come la peste quando leggi l’etichetta di un olio da barba, in quanto sono inclini alla perossidazione lipidica, dunque se esposti per troppo tempo a luce solare, ossigeno o calore (tre elementi naturalmente presenti sul viso) tendono ad irrancidirsi e a diventare inutilizzabili.

Inoltre sono sempre consigliati oli da barba contenenti Olio di Cocco, di Ricino, di Jojoba e di Argan, ovvero oli saturi o monoinsaturi.

Studi scientifici hanno inoltre acclarato che l’olio vegetale polinsaturo tende ad abbassare il livello di DHT (diidrotestosterone) sui peli facciali, che non va assolutamente bene, in quanto regola una buona crescita e prendersi cura della barba.

 3. Mantenere una barba “in linea” con pettine e spazzola

Prendersi cura della barba pettine e spazzola

Al centro del prendersi cura della barba maschile c’è spazzolare e pettinare la barba. Questi sono senza dubbio gli strumenti più utili per l’esfoliazione della barba, l’allenamento della barba e l’addomesticamento della barba, 3 pratiche che si riveleranno decisive per la salute dei tuoi peli facciali.

Dal punto di vista della manutenzione della barba, una spazzola per barba in setole di cinghiale è utile poiché stimola la naturale secrezione degli oli di sebo che nutrono la tua folta criniera, esfolia la pelle sotto la barba e rimuove lo sporco e la forfora, oltre che aiutare anche a ridistribuire l’olio da barba ed il balsamo se si pettina la barba dopo la loro applicazione.

Tuttavia, non dovrebbe andare bene qualsiasi pennello. Nella maggior parte dei casi, è meglio procurarsi una spazzola con setole di cinghiale al 100% di qualità e assicurarti di averne una con setole spesse e dure se la tua barba è lunga, o scegliere una spazzola con setole più morbide se la tua barba è corta.

Anche usare un pettine da barba è molto semplice: quando la tua barba è asciutta (non spazzolare mai una barba bagnata) passaci attraverso con ampi tratti, pulendo via lo sporco ed esfoliando la barba, finisci spazzolando verso il basso per dare ai tuoi peli del viso una bella forma.

Se il fine ultimo è quello di prendersi cura della barba allora non dovresti accontentarti di un pettine di plastica economico da 3-4 euro, che causa solo dell’attrito statico, che ha dei denti frastagliati che tirano la tua barba e probabilmente si romperà anche entro pochi mesi.  “Eh…come sei disfattista!”.

Invece, guarda nei pettini per barba in legno fatti a mano o nei pettini realizzati in acetato di cellulosa, che denti dritti ed uniformi, e come scivolano sulla tua barba senza impigliarsi, provare per credere! Considerando che un pettine da barba ti durerà circa una decina d’anni (se tenuto per bene) non è affatto un costo proibitivo.

NOTA BENE: C’è anche una dettagliata recensione dei 5 migliori pettini per barba qui se desideri confrontare anche diversi modelli, e capirne le differenze. Ecco perché è importante conoscere come prendersi cura della barba senza scendere a compromessi.

4. Smettila di giocare con i peli del viso

Smettila di giocare coi peli del viso

Forse il più paradossale e contro-intuitivo consiglio che possa fornirti sul come prendersi cura della barba è: lasciala perdere.

Smettila di giocare con barba e baffi, e non “allenarti” nel forzarli verso una forma o un modello che per forza di cosa non crescerà mai naturalmente. Se hai dei versi che modellano la barba verso destra, portarla al centro sarà fantastico, ma l’effetto non sarà mai centrato alla perfezione, dunque non “calcare la mano”. E’ l’ora di prendersi cura della barba!

In giro esistono troppi devastatori di barbe e di baffi, che, in preda ad attacchi di nervosismo o di ozio puro, arricciano e torcono la propria barba ed i propri baffi con un’intensità esagerata.

Altri invece hanno la fissa di ottenere la barba liscia, piastrandola ogni due giorni: non fraintendermi, non c’è nulla di male nel farlo una volta ogni 10-15 giorni, ma ogni 2-3 giorni è da psicolabili. Ferma questo trend!

Tutto ciò provocherà inevitabilmente la perdita e il danneggiamento della barba, piuttosto che giocare con la barba intrattieniti con la Playstation o l’Xbox, oppure fai altro…!

5. Stimola la circolazione per mantenere una barba sana

Circolazione sanguigna prendersi cura della barba

Facile come bere un bicchiere d’acqua, o quasi. Per prendersi cura della barba occorre per forza di cose aumentare la circolazione sanguigna ai follicoli piliferi del viso, che deve essere aumentata per forza di cose. I peli della barba così riceveranno più energia, nutrienti sotto forma di minerali e vitamine oltre che gli ormoni androgeni.

Non so se ne eri a conoscenza, ma prendersi cura della barba che riceve un buon/ottimo apporto di flusso sanguigno vuol dire sviluppare una barba forte, che cresce con delle condizioni chimico-fisiche ottimali.

Alcuni facili modi per promuovere la circolazione dei peli sul viso si basa sul:

  • Utilizza un Derma Roller di 0,25-0,50 mm di lunghezza sulla cute e sui peli del viso per favorire la crescita della barba. Si tratta di un rullo, dotato di centinaia di micro-aghi, per stimolare la micro-circolazione a livello locale.
  • Di tanto in tanto applica dell’olio di ricino sul viso (puoi diluirlo con alcol per creare un siero per la crescita della barba più forte). Questo aumenta la circolazione stimolando la prostaglandina E2, che porta alla ricrescita di peli o capelli in seguito ad un trauma o una lesione.
  • Per aumentare la circolazione sanguigna e favorirla attraverso tutto il corpo, potresti optare per mangiare cibi come aglio, cipolla e peperoncini piccanti. E’ la capsaicina, contenuta nel peperoncino che stimola ed attiva in maniera naturale i recettori degli androgeni presenti sul viso.
  • Fai esercizio e mantieniti attivo. Questo è uno dei metodi più semplici per migliorare la circolazione generale, oppure tenta la “Mossa del pipistrello”, mettiti a testa in giù per un periodo di tempo, e guarda come tutta la circolazione del sangue affluirà verso la barba. (Sto scherzando eh!)

6. Integratori per barba: che però funzionano

Integratori per barba prendersi cura della barba

“Integratori per la barba…? Non bastavano quelli per i capelli? E’ tutta una farsa, non ci credo, non servono a niente, sono delle semplici pasticche che non hanno alcun effetto.” Mi spiace contraddirti ma, come esiste tanta melma, dalla discutibile qualità, esistono anche decine e decine d’aziende, che lavorano seriamente e producono integratori di ottima qualità allo scopo di prendersi cura della barba.

Gli elementi più ricercati e con le maggiori evidenze scientifiche correlate alla crescita della barba sono:

  • Carnitina: uno studio ha scoperto l’efficacia dell’amminoacido Carnitina sui recettori degli androgeni umani, il tutto si traduce in maggiore energia da fornire ai follicoli piliferi della barba.
  • Mucuna Pruriens: questo legame nativo delle regioni tropicali africane contiene la L-Dopa, ovvero una proteina co-attivatrice dei recettori degli androgeni, la quale contribuisce ad aumentare i livelli di testosterone nel sangue, il che dovrebbe condurre ad una barba più sana.
  • Ashwagandha: il nome è quello di un indiziato insospettabile, e invece si tratta di un’erba con tantissimi studi alle spalle, portando il livello di testosterone degli uomini che l’assumevano da 625-630 ng/dL fino a picchi pari a 720-725 ng/dL.
  • Vitamina D: Studiata anch’essa in lungo e largo per la capacità di aumentare i livelli di testosterone. In un anno, prendendo d’esempio dei soggetti normopeso, che conducevano una vita regolare, si è scoperto che un’assunzione di Vitamina D aumenta di circa il 25% la produzione di testosterone.

7. Tagliare le doppie punte della barba

Tagliare le doppie punte della barba

Prepara i tuoi gomiti, fai stretching alle mani ed affila le tue forbici da barba, è il momento di svoltare col prendersi cura della barba. Accantona il tuo amico regolabarba ed inizia ad abituarti a regolare la barba in maniera “Old School”, con le forbici alla pari dei tradizionali maestri della rasatura.

Dovrai rimuovere le doppie punte della tua barba! Si ma a cosa mi serve tutto ciò?

Ebbene, proprio come con i capelli sul cuoio capelluto, i peli del viso sono inclini a sviluppare le doppie punte, il che significa semplicemente che le punte dei peli della barba “si rompono” e si dividono in due o anche tre direzioni separate.

Naturalmente tutto ciò rende i peli della barba ruvidi ed aspri, difficili da domare, dunque è meglio fare una “potatura” generale di tutta la barba con delle e forbici.

Ma perché preferire le forbici ad una macchinetta? Le lame affilate in acciaio delle forbici lasceranno un bordo più netto e pulito dei peli.

Se hai poco tempo, puoi anche prenderti cura delle tue necessità di rifinitura della barba con un regolabarba, ma dovrebbe essere sicuramente uno di qualità con lame affilate e oliate in modo da tagliare bene i peli del viso e non strapparlo e smontarlo.

8. Usare un balsamo da barba come umettante

Balsamo da barba prendersi cura della barba

Prendersi cura della barba solamente con dell’olio da barba a volta può sembrare non sufficiente per disbrigare la faccenda.

Ed è qui che entra in gioco il fantastico alleato di ogni uomo barbuto e forzuto, in quanto il balsamo da barba fa parte dei cosiddetti “pesi massimi” per prendersi cura della barba e mantenerla correttamente.

Al suo interno ci sono sostanze ricchissime di cera d’api e grassi saturi come ingredienti principali. I balsami per barba sono considerevolmente più spessi e consistenti degli oli da barba (sebbene non alla pari della cera da barba, ancora più rigida), il tutto conferisce dei vantaggi al balsamo per prendersi cura della barba, che l’olio da barba non ha.

Quando ti prendi cura di una barba, potresti trovare estremamente utile prima fare la doccia e poi applicare il balsamo subito dopo per formare un sigillo che blocca l’umidità nella tua barba che la mantiene morbida e ben nutrita per giorni.

Se invece stai già utilizzando dell’olio da barba, potrai metterlo sul viso ed aggiungere un paio d’ore dopo del balsamo per barba, in modo tale da sigillare e migliorarne l’effetto umettante ed idratante.

Essendo denso il balsamo, per prendersi cura della barba e provare differenti stili di barba e modelli di baffi è davvero fantastico per mantenere e modellare in peli del viso nelle più svariate modalità immaginabili. Anche qui, come per l’olio da barba, ci sono dei discutibilissimi acidi grassi polinsaturi nella formulazione di balsami da barba.

Quando ne scegli uno presta attenzione che siano presenti la cera d’api, la lanolina e dei buoni grassi saturi come l’olio di Cocco, il burro di Karité oppure l’olio di Jojoba.

Spero che questo lungo articolo sugli 8 modi di prendersi cura della barba ti sia piaciuto: commenta e consigliaci qualche metodo diverso per prendersi cura della barba facilmente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Gentiluomo

Signori si nasce, non si diventa.