Olio di Ricino per Capelli Pelle e Barba

Olio di Ricino per Capelli Pelle e Barba: 5 Minuti per Scoprire i suoi Vantaggi

Con il numero di prodotti per la crescita dei capelli e balsami oggi sul mercato in eccesso, le persone che cercano di sviluppare e mantenere una barba folta hanno più opzioni di quante ne possano mai scegliere.

Detto questo, molti preferiscono evitare soluzioni chimiche per la crescita dei peli della barba a favore di ingredienti naturali.

Questo è ciò che porta alcuni a considerare l’olio di ricino per capelli, pelle e barba, in quanto conferisce innumerevoli benefici.

Cos’è l’Olio di Ricino?

 

L’Olio di Ricino è un olio vegetale denso e giallastro estratto dai semi di una pianta chiamata Ricinus communis, nota anche come pianta di ricino.

Ci sono suoi svariati utilizzi in cucina e nei conservanti alimentari, farmaci e cura dei capelli e della pelle.

È anche noto per essere stato usato per indurre il travaglio fin dai tempi dell’Antico Egitto.

Da dove proviene l’Olio di Ricino?

La pianta di Ricinus communis che produce semi di ricino cresce nei climi tropicali. È associato in particolare a parti del Mediterraneo, dell’India e dell’Africa orientale.

L’olio di ricino viene estratto dal chicco di ricino mediante uno dei due processi: spremitura a freddo o estrazione con solvente.

Inoltre subisce un processo di riscaldamento che aiuta ad eliminare l’enzima velenoso ricina, che si trova nel ricino.

Quali sono i tipi di Olio di Ricino per Capelli Pelle e Barba?

Ci sono due tipi di olio di ricino che si possono trovare comunemente:

  • Olio di ricino giallo: questo tipo viene estratto dai semi di ricino tramite spremitura a freddo.
  • Olio di ricino nero: questo tipo viene prodotto tostando i semi di ricino per estrarre l’olio. È anche conosciuto come “olio di ricino nero giamaicano” a causa del processo di estrazione sviluppato in Giamaica.

Che odore ha l’Olio di Ricino?

Di per sé, l’olio di ricino è spesso descritto come completamente o quasi inodore.

Poiché alcuni trovano che abbia un odore sgradevole, tuttavia, alcuni marchi che vendono olio di ricino lo combinano con ingredienti per produrre aromi sottili e piacevoli.

Coloro che trovano che l’olio di ricino abbia un olio sgradevole paragonano il profumo a prodotti chimici come l’olio di raffreddamento.

Tuttavia, poiché è in gran parte inodore e talvolta potenziato da profumi artificiali, è difficile attribuire un profumo particolare a questo olio.

Quali Tipi di Pelle funzionano con l’Olio di Ricino?

L’uso dell’olio di ricino va bene per la maggior parte dei tipi di pelle. Tuttavia, è stato notato che l’olio può esacerbare l’irritazione della pelle esistente.

Quelli con acne esistente, infiammazione da dermatite o pelle generalmente sensibile possono scoprire che l’applicazione di olio di ricino provoca disagio.

ARTICOLO CORRELATO: Olio di Jojoba per Pelle e Barba: Scopri in 5 Minuti i Benefici

Qual è la Classifica Comedogenica dell’Olio di Ricino?

La scala comedogenica viene utilizzata per misurare la probabilità che un determinato ingrediente ostruisca i pori quando applicato sulla pelle. La scala va da 0 a 5, con numeri più bassi che indicano meno potenziale per ostruire i pori.

La valutazione comedogenica dell’olio di ricino è 1, indicando un basso rischio di causare l’ostruzione dei pori.

Anche se, come accennato in precedenza, l’acne esistente può essere esacerbata dall’applicazione dell’olio.

Quali sono i Benefici dell’Olio di Ricino?

 

Ecco i principali vantaggi dell’applicazione regolare dell’olio di ricino:

Antibatterico

Il principale tra i vantaggi dell’olio di ricino è che è noto per avere forti proprietà antibatteriche. Oltre a benefici simili, questo aiuta l’olio a contribuire alla salute della pelle sotto la barba.

In particolare, l’olio di ricino è noto per i seguenti vantaggi:

  • Ricco di Acido Ricinoleico
    • I prodotti ad alto contenuto di acido ricinoleico aiutano a prevenire arrossamenti, irritazioni, gonfiori e infiammazioni della pelle.
  • Efficace Umettante Naturale
    • Gli umettanti naturali sono sostanze che assorbono l’umidità dall’ambiente circostante. Ciò può significare che aiutano a trattenere l’umidità dalla pelle, nonché che possono estrarre l’umidità dall’aria.
  • Combatte l’Acne
    • Lo stesso acido ricinoleico che aiuta a prevenire l’irritazione della pelle ha anche dimostrato di essere prezioso nel trattamento dell’acne e di una miriade di altri disturbi, comprese le infezioni fungine, che aiuta a prevenire la forfora della barba.

Ammorbidisce la consistenza dei Peli

A causa del suo status di umettante, l’olio di ricino può trattenere l’umidità nei peli della barba e mantenerli morbidi.

L’olio possiede anche un’alta concentrazione di acidi grassi omega-9 (come l’acido ricinoleico), che aiutano anche a mantenere i capelli setosi.

I Capelli appariranno più Sani

Un leggero strato di olio di ricino può conferire ai capelli secchi e fragili un aspetto più luminoso e sano.

Ciò è in parte dovuto alle stesse proprietà che ammorbidiscono i capelli. È anche grazie alla vitamina E e alle proteine ​​che sono tra i nutrienti presenti in alte concentrazioni nell’olio.

La vitamina E favorisce un cuoio capelluto sano, che a sua volta migliora la qualità dei capelli.

L’aggiunta di proteine, nel frattempo, impedisce ai capelli di diventare secchi e fragili a causa della carenza.

Quali sono alcuni degli Effetti Collaterali dell’Olio di Ricino?

È stato scoperto che l’olio di ricino può causare alcuni di questi effetti collaterali:

Non fa crescere la barba

Come con molti oli essenziali, si dice che l’olio di ricino possa stimolare la crescita dei peli sul viso.

Sfortunatamente, tuttavia, non ci sono ancora prove scientifiche a sostegno di questa affermazione.

La teoria è che l’applicazione di gocce di olio di ricino mescolate con un olio vettore sarà tra le altre cose stimolano una migliore circolazione del sangue nella pelle.

Questo a sua volta è benefico per i follicoli piliferi. Tuttavia, questa teoria si basa su ingredienti e presupposti, non su studi o prove scientifiche.

Allo stesso modo, non è stato riscontrato che l’olio di ricino stimoli una crescita sana dei capelli nel cuoio capelluto.

Sono state condotte ricerche sull’evidenza dell’olio di ricino – insieme a olio di jojoba, olio di cocco, olio di argan, olio di rosmarino e altre sostanze –– si sono rivelati efficaci nel trattamento o nell’invertire varie forme di caduta dei capelli.

Non esistono studi che ne valutino la pena, anche se “diversi ingredienti botanici e naturali mostrano risultati promettenti” in questo frangente.

Lassativo

L’olio di ricino è anche noto per essere un lassativo efficace se ingerito. È improbabile che questo sia un problema quando si applica l’olio di ricino sulla barba.

Tuttavia, vale la pena di essere consapevoli data la vicinanza di tale applicazione alla bocca.

Irritante in maniera Lieve per Alcuni

Nei test sugli effetti dell’olio di ricino non diluito sulla pelle umana, la sostanza è risultata essere leggermente irritante.

Sono stati testati soggetti senza condizioni cutanee preesistenti e, sebbene non siano stati osservati effetti gravi, è stata osservata una certa irritazione.

Questa scoperta supporta l’idea che sia sempre meglio fare un piccolo patch test prima di applicare un nuovo prodotto per la cura della barba, indipendentemente dagli ingredienti a portata di mano.

Molti oli topici apprezzati per le qualità naturali e i vari benefici possono causare irritazioni.

Un patch test ti aiuterà a scoprire se sei sensibile o meno a un determinato ingrediente prima di applicarlo direttamente o attraverso uno shampoo per barba o un altro prodotto per la cura della barba.

Come conservare l’Olio di Ricino?

 

L’olio di ricino è una sostanza naturale delicata che si deteriora o si degrada nelle condizioni sbagliate. Una serie di fattori contano nella conservazione dell’olio:

  • Temperatura: l’olio di ricino deve essere conservato in condizioni né troppo calde né troppo fredde.
  • Esposizione alla luce: troppa luce diretta causerà il degrado dell’olio.
  • Umidità: l’olio di ricino non deve entrare in contatto con l’umidità in eccesso, poiché anche questa può rovinarne la qualità.
  • Durata: sebbene diversi prodotti specifici possano avere le proprie date di scadenza, generalmente accade che l’olio di ricino si degradi un po’ dopo sei mesi.

Dati questi fattori, è generalmente meglio conservare l’olio di ricino in un luogo fresco, buio e asciutto.

Non utilizzare il frigorifero (che è troppo freddo) o un armadietto dei medicinali da bagno (dove la temperatura dell’aria e il contenuto di umidità possono cambiare).

È meglio optare per un armadio scuro o una dispensa per la conservazione.

Quali sono alcuni oli da barba contenenti Olio di Ricino?

Se alla fine decidi di usare l’olio di ricino per curare la tua barba, ci sono diversi prodotti disponibili da considerare. Di seguito sono riportati alcuni oli per barba che contengono olio di ricino:

  • Olio per la crescita della barba in crescita di Beard Farmer
  • Olio da barba Tree Ranger di Beardbrand

Naturalmente, puoi sempre creare il tuo olio per barba anche con l’olio di ricino quando segui questa guida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il Gentiluomo

Signori si nasce, non si diventa.