Capelli Afro Uomo 8 Modelli da Fare Impazzire

Capelli Afro Uomo: 8 Modelli da Fare Impazzire

È proprio vero, c’è qualcosa, forse a livello genetico oppure a livello ambientale che rende i capelli afro estremamente piacevoli da guardare e da toccare.

Abbiamo pensato di riunire 8 modelli di acconciature per capelli Afro che potrebbero incrementare notevolmente il tuo livello di fiducia in te stesso e renderti più affascinante di quanto in realtà già lo sei (perché tutti gli uomini sognano attaccature perfette e capelli voluminosi e pieni).

Capelli Afro Uomo: 8 Modelli da Fare Impazzire

Capelli Afro Uomo: 8 Modelli da Fare Impazzire 2

1. Flat Top (Dritto Sopra)

Che Cos’è?

Tra tutti i tagli di capelli Afro da Uomo disponibili, ce n’è uno che arriva direttamente dagli anni ’80 e dei primi anni ’90: sto parlando del taglio Flat Top o “Dritto Sopra”, acconciatura resa virale, facendo aumentare anche la fama attorno alle macchinette tagliacapelli.

Sono caratterizzati da una parte superiore tagliata piatta, mentre la parte laterale, quella delle tempie è affusolata e tagliata corta, e si allungano verso l’alto, per assumere una forma diritta e regolare.

Sicuramente ricorderai di Will Smith ne “Il Principe di Bel Air”, sicuramente durante i primi anni novanta, l’attore statunitense ha portato con disinvoltura un’acconciatura Afro Flat Top. 

È un taglio altamente personalizzabile, fresco e che sembra davvero non subire lo scorrere del tempo. Approvata.

 

Come Ottenerlo?

Per quanto questo taglio sia davvero meraviglioso da portare, dovrai assicurarti di avere anche la giusta tipologia di capelli naturali e ricci per ottenerlo, altrimenti sarà soltanto un salto nel vuoto.

Il fattore fondamentale è quello di assicurarsi di possedere dei capelli afro estremamente riccioluti: saranno infatti i capelli ricci, tenuti stretti tra di loro a garantire una forma e definizione ottimale alla tua acconciatura.

Per ottenere un taglio ottimale è ancora meglio avere dei lati tagliati corti e sulla nuca, andando a lavorare nella zona dell’osso occipitale, per rimuovere masse di capelli.

I barbieri, per ottenere quell’effetto piatto perfetto della parte superiore piatta quadrata dei capelli utilizzano un pettine per guidare il taglio ed in modo da mantenere diritti i capelli, per dare la forma a mano libera (con forbice o tosatrice).

Come Acconciarlo?

Il mantenimento di questo modello di capelli per gli uomini di colore è quello di eseguire un taglio regolare di tanto in tanto, oppure approfittare di una regolata durante il weekend, una volta ogni 2 settimane.

Investi qualche euro in un pettine afro: questo ti consentirà di pettinare i capelli in maniera molto più semplice. E dato che si tratta di denti lunghi, avrai una certa elasticità durante la fase di modellazione.

Anche un asciugacapelli o una lacca professionale potrebbero fare al caso tuo: ricorda di non esagerare o il tuo ciuffo Flat Top potrebbe diventare un panettone di cemento armato. 

 

 

 

 


2. Buzz Cut (Taglio Militare)

Che Cos’è?

Anche chi sarà capitato solamente una volta in qualche canale televisivo, avrà sicuramente visionato un taglio di capelli del genere, chiamato Buzz Cut (che sia in una partita di calcio o in un evento mondano).

Questo stile di capelli tosato “all-over” richiederà una manutenzione quasi inesistente (a differenza del Flat Top) e per questo ha una fama invidiabile tra le nuove reclute militari (è obbligatorio).

Il Buzz Cut o taglio militare corto, di solito viene portato ad una dissolvenza a zero laterale, lasciando un pò di lunghezza soltanto nella parte superiore (a volte è livellato con la sfumatura).

Un taglio che garantirà il minimo sforzo e il massimo risultato.

 

Come Ottenerlo?

Uno dei pochissimi tagli ai quali è possibile adottare un approccio fai-da-te è quello Buzz Cut, in quanto ci sono tantissimi tutorial per imparare a radersi i capelli a casa, ottenendo buoni risultati con un semplice clipper per capelli.

Se invece non ti senti al sicuro affidati ad un barbiere professionale.

Potrai chiedere al tuo parrucchiere per un tradizionale taglio di capelli a spazzola, e per la tipologia di capelli afro ci sarà sicuramente bisogno di un tagliacapelli, in modo da rimuovere il peso superiore dei capelli e ricci, ed infine garantire una finitura pulita.

Come Acconciarlo?

Non dovrai preoccuparti dello styling in sé per sé, perché un taglio militare non costerà alcuno sforzo in termini di acconciatura.

È un taglio abbastanza semplice, sebbene non è mai sbagliato utilizza una cera con una finitura opaca oppure un olio per capelli ricci a bassa lucentezza, da spazzolare tra i capelli e da modellare con una spugna per capelli afro.

 

 


3. Capelli Naturali Afro

Che Cos’è?

Si trattava del taglio di capelli preferito dagli uomini di colore durante i favolosi anni Settanta (un periodo sociale-economico e culturale che non prevedeva tantissimi giri di parole, ma era un momento storico di concretezza e solidità, anche nello stile dei capelli).

Ed è qui che l’acconciatura tipica Afro ha subito una deviazione rispetto al suo aspetto naturale, prediligendo uno stile circolare, sebbene al giorno d’oggi sia molto più curato e tenuto in considerazione, specie da uomini maturi (dai 30 anni in su).

Per ottenere uno stile riccio afro organico sicuramente dovrai utilizzare dei prodotti per dare struttura e consistenza ai ricci, in modo da creare una varietà di lunghezze senza avere un look troppo piatto.

Sentirai tutta la Febbre del Sabato Sera portando uno stile di capelli lungo e ben acconciato naturale.

 

Come Ottenerlo?

In linea generale, i capelli afro tendono ad essere più fragili e sensibili rispetto ad altre tipologie di capelli naturali, e dunque, mantenere una lunghezza apprezzabile può risultare annoso.

Non è un caso che una piccola porzione dei ragazzi di colore è in grado di crescere almeno 6-7 cm di capelli in cima, senza avere determinati problemi di doppie punte/rotture.

Vale la regola per cui i capelli aventi una lunghezza dall’intermedio al lungo, sono i migliori in termini di resa per lo styling.

Un esempio lampante di questo stile di capelli ricci è sicuramente il cantante statunitense Lenny Kravitz, che a 50 anni passati mostra delle lunghezze perfette e una forma di acconciatura invidiabile.

Come Acconciarlo?

L’Afro Naturale è la migliore versione dei tuoi capelli ricci, subito che sei uscito dal grembo di tua madre.

Non dovrai fare altro che applicare dei prodotti studiati per valorizzare i ricci su capelli umidi, in modo da potenziare e definire la loro consistenza naturale.

Per un tocco di sano splendore ed una lucentezza anche un buon’olio idratante e nutritivo potrebbe fare al caso tuo.

La tua fortuna consiste nell’asciugatura, davvero semplice, in quanto sul capello afro naturale quando i capelli appaiono più deteriorati potrai lasciarli asciugare naturalmente (lo faranno anche in fretta).

La migliore metodologia per acconciare un capello afro è quella di evitare il calore, permettendo al tuo riccio di prendere la sua forma naturale.

Una volta applicato il prodotto per ricci specifico, non dovrai far nulla se non aspettare che i tuoi capelli si asciughino naturalmente.

Per una maggiore definizione dei ricci morbidi scegli di attorcigliarli attorno a delle piccole sezioni di capelli, mentre sono ancora umidi.

 

 

 


4. Taglio Scontornato

Che Cos’è?

Per gli uomini che non hanno tantissimo tempo da dedicare a delle acconciature elaborate e che cercano il miglior compromesso, c’è sicuramente il taglio scontornato. 

Più che di un vero e proprio stile di capelli si tratta del raddrizzamento (sgarbo) dell’acconciatura, che permette di avere le basette, le linee della nuca e delle tempie ben sagomate e delimitate.

L’aspetto finale sarà comunque elegante e classico, e non richiede grandissima opera di manutenzione (dovrai solitamente accorciare i laterali col pettine della tosatrice numero 1 o 2) e tenere pulita e precisa l’attaccatura.

 

Come Ottenerlo?

Oltre ad essere un taglio davvero pratico, che ti permette di risparmiare del tempo prezioso, anche l’aspetto finale e l’impressione trasmessi dal taglio sono abbastanza “democratiche”, dunque se hai dei capelli sufficientemente spessi, potrai ottenere un taglio scontornato. 

Esistono così tante varianti di questo modello, che dovrai solamente scegliere cosa indossare nella zona superiore e potrai così divertirti nell’ottenere diversi stili di acconciatura. 

In ogni caso, non tutte le forme di acconciature ricce afro sono uguali.

Per ottenere il meglio da questo taglio scontornato e da una struttura adeguata, chiedi al tuo barbiere una modellatura rigida, in modo da avere un perimetro ben delimitato di stile.

Come Acconciarlo?

Nonostante non ci sia bisogno di tantissima manodopera per tenere questo styling nel tempo, con piccole ed astute mosse ti permetteranno di gestire un taglio definito al meglio.

Tieni una spazzola, per mantenere l’area superiore ben ordinata e utilizza oli per garantire un buon condizionamento dei capelli.

 

 

 


5. Trecce

Che Cos’è?

Nonostante le acconciature afro a treccia, siano ormai da secoli in circolazione e siano famose in tutto il mondo, le trecce maschili si stanno riaffermando come uno stile tradizionale, che vale davvero la pena prendere di nuovo in considerazione.

Quando parliamo di trecce in genere ci riferiamo ad uno stile intrecciato, se invece parliamo di acconciatura maschile con treccine, ci riferiamo a delle trecce annodate molto strette alla testa e che non si muovono liberamente.

Per i ragazzi o gli uomini che desiderano uno stile intraprendente, un look sorprendentemente moderno, allora prova uno di questi 4 stili di capelli afro intrecciati.

 

Come Ottenerlo?

Non ci vorrà di certo un laureato in geometria per capire che la lunghezza, con questo modello di capelli è essenziale: qualsiasi lunghezza che sia inferiore a 8-10 cm non è sufficiente per avere delle trecce ben visibili.

L’agilità per annodare le treccine è un prerequisito importante, in modo da ottenere delle trecce belle da vedere e voluminose (ottimo l’ausilio di uno specialista esterno che ti aiuti).

Puoi portare con te delle foto delle trecce che desideri: che si tratti di trecce sciolte, treccine oppure una combinazione di entrambe, saranno sicuramente utili.

Come Acconciarlo?

Ci vuole molto tempo per mantenere fissate le trecce nella stessa posizione, dunque una volta che le avrai poste lì dovrai fare di tutto affinché rimangano nello stesso posto. 

Indossare una maschera crea-onde, chiamato Du-Rag andrà ad impedire anche che lo sporco oppure la lanugine rimangano intrappolati nelle trecce.

Invece, per impedire che le trecce vengano sfilacciate oppure che appaiano troppo disordinate puoi usare una cera per capelli, per tenerle ordinate più a lungo.

Non sono solo i tuoi capelli naturali che devono essere tenuti sotto controllo quando indossi le trecce: dovrai anche tenere sotto controllo la salute del tuo cuoio capelluto, per evitare che si secchi o si presentino casi di forfora.

 


6. Dreads

Che Cos’è?

Solitamente, quando parliamo dei Dreadlock, nell’immaginario collettivo sopraggiungono alla mente le immagini dei soleggiati anni ’60 e anni ’70.

È il look che praticamente ha sempre sfoggiato la leggenda del Reggae Bob Marley, ed è uno stile che risale a migliaia e migliaia di anni fa.

Alla pari delle trecce, con i Dreads si raccolgono i capelli, inserendoli all’interno di ciocche più grandi, sebbene a differenza delle stesse, permettono ai capelli di crescere sotto forma di ciocche arruffate.

L’acconciatura si compone di capelli attorcigliati o mantenuti stretti ed annodati, che col tempo andranno a generare dei Dreadlock.

Le differenze tra i Dreads e le trecce consiste nell’impossibilità di sbrogliare le prime, dunque o preparati a farle crescere (ci vorrà del tempo) oppure tagliali quando diventi stufo.

 

Come Ottenerlo?

Non è un’impresa da poco rendere tutte le ciocche dei dreadlock perfettamente attorcigliate ed acconciate, infatti è necessario la supervisione di un professionista che sappia come renderli omogenei.

Ci sono davvero tantissimi modelli e stili di Dreadlock diversi, sia per creare degli stili innovativi da zero che per mantenere solido lo stesso stile nel tempo.

Creare ad esempio dei Dreadlock corti o lunghi comporta l’andare a torcere o ad arrotolare i capelli con i palmi delle mani, incorporando un gel o del balsamo (talvolta anche la cera) per dare vita a dei dreads ben distinguibili.

In Italia sono presenti tantissimi negozi o centri specializzati in cui dei bravissimi stilisti acconciatori ti aiuteranno a formare dei dreads perfetti.

Come Acconciarlo?

Come acconciare i Dread dipende tutto dalla lunghezza complessiva dei tuoi capelli e che influenzerà il risultato finale. 

È meglio portare dei dreadlock lunghi ma indossati a metà, oppure legati in maniera nascosta sul retro oppure tramite uno chignon sopra la testa.

Fondamentale non adoperare troppa pressione o tensione sui dreadlock, che poi trasmetteranno quella rigidità al cuoio capelluto e sentirai di tirare troppo.

Per quanto riguarda i dreadlock più corti, questi possono essere indossati sia sciolti che naturali oppure tirati indietro, raccolti in una crocchia ben assemblata.

Il modo più in voga per indossare i dreadlock corti è quello di raderli (questo include dunque una rasatura ai lati e nella parte posteriore della testa) ed indossare i dreadlock fluenti e lunghi sulla parte superiore.

 

 


7. Taglio Corto con Sfumatura

Che Cos’è?

Una fusione di alcuni dei più conosciuti e popolari tagli di capelli da uomo nella cultura Afro è sicuramente la sfumatura corta, che quasi un pò tutti desiderano provare almeno una volta sulla propria capigliatura.

È una combinazione di acconciature classiche, infatti questo stile mescola sia caratteristiche di versatilità che altre di modernità.

Si tratta di un taglio splendido, da poter personalizzare, in modo da adattarlo e renderlo fruibile sia al tuo stile di vita che al tuo look.

Lo stile è l’equivalente di un taglio Afro Corto, ovvero lasciando la lunghezza di un taglio classico Afro e al contempo radere i laterali corti a pelle.

 

Come Ottenerlo?

Prima di affrontare appieno una sfumatura corta laterale, ed i tuoi capelli sono particolarmente corti, dovrai crescere ancora qualche centimetro, per attendere un effetto dissolvenza ottimale. 

Infatti, se vuoi creare un contrasto tra la parte frontale e le due laterali, creare una sfumatura ancora più corta ed accentuata aumenterà quel dislivello.

Lascia una parte relativamente corta sopra se invece desideri un aspetto più classico e compatto, meno slanciato ed audace.

È un look che offre il meglio di sé quando è presente un equilibrio tra quello che viene rasato ai lati (e come) e quello che accada tagliando o regolando la parte superiore. 

Come Acconciarlo?

Piuttosto che dargli una finitura uniforme e piatta, è preferibile andare a modellare i capelli per aggiungere un tocco moderno al corto afro adottando un look strutturato.

Cerca di utilizzare uno spray al sale marino sui capelli nell’area superiore della testa ed attraverso i capelli propagalo utilizzando un diffusore con un asciugacapelli oppure lasciandoli asciugare naturalmente.

Lo spray salino è caratterizzato per essere un prodotto leggero che migliora la consistenza e dona una buona tenuta, ottimo per creare volume e definire i ricci.

 

 


8. Riga Laterale

Che Cos’è?

Uno dei primi a portare questo stile di capelli afro con delle vistose e simpatiche righe laterali è stato l’ex cantante dei Black Eyed Peas, Will.I.Am, uno stile che pesca direttamente dai magnifici anni Ottanta.

A causa delle sue linee nette, potrebbe sembrare uno stile datato e vecchio, questo è vero fino ad un certo punto, perché utilizzare hair tattoo creativi o doppie linee potrebbe svoltare lo styling dei tuoi capelli.

Rispetto alla banale e semplice separazione laterale, una linea dura e netta tra i capelli è quello che ci vuole, per dare movimento e creatività ad una sfumatura laterale. 

L’aspetto finale dipende nella totalità da quanto è profonda la riga laterale e da come cercherai di complimentarla, magari facendola poggiare su dei capelli superiori ricci e curati.

 

Come Ottenerlo?

Richiederà più di uno sforzo per il barbiere ottenere questo stile, specie su di un capello afro, noto per essere più riccio e spesso rispetto ad un capello caucasico, in genere liscio e morbido.

Il barbiere, dopo una prima occhiata, dovrebbe essere in grado di indicarti con esattezza, quale punto della tua testa è quello più “corretto” visivamente sul quale realizzare una riga, che sia laterale (sulle tempie) o centrale (in corrispondenza del punto di rottura tra zona superiore e tempie).

Ci sono così tanti stili da poter ricreare, che tutto ciò che ti serve è un pò di flessibilità mentale, per provare dei differenti look afro per le tue acconciature.

È buona norma portare qualche fotografia di riferimento dal barbiere, in modo da agevolare la creazione di qualcosa di bello ed unico.

Per farla breve, dato che esistono molteplici vie per indossare questo taglio afro, portare con sé un esempio di ciò che si desidera è decisamente la mossa giusta da fare.

Come Acconciarlo?

Questo non è uno stile molto facile da ottenere in maniera autonoma e richiede quasi sempre l’aiuto di un barbiere.

Un pettine però è fondamentale in modo da poter separare la riga e magari utilizzare un olio per mantenere i capelli condizionati e, per dare una finitura curata applica un pò di cera che servirà a dare tenuta ed una lucentezza tangibile.

Nel caso in cui i tuoi capelli sono particolarmente ribelli e difficili da domare, cerca di mantenerli curati con una lacca a tenuta media.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il Gentiluomo

Signori si nasce, non si diventa.