Tipi di basette da uomo

Tipi di basette: i modelli migliori da uomo

Puoi sia amarle che odiarle, ma una cosa è certa, non puoi evitarle, sì perché scegliere dei tipi di basette adatte al proprio look, al proprio stile e che corrispondano alla propria identità non è semplice quanto può sembrare.

Le basette sono una componente facciale dell’uomo fondamentale, alla stregua del pizzetto e dei baffi, dunque anche come queste si identificano e appaiono quando vengono abbinata alla forma del proprio viso.

E’ importante infatti, conoscere quali tipi di basette vanno di moda nel 2020 per l’uomo e come crescerle e raderle in maniera creativa ed artistica.

Tipi di basette

1. Basettoni Rock alla Elvis

Elvis Presley basettoni rock
Fonte: https://www.pinterest.it/pin/221520875406196825/

I tipi di basette che hanno fatto più innamorare folle di ragazzine durante negli 60 erano quelli alla Elvis Presley, quella del Re del Rock caratterizzata per essere lunga e folta, con una base asimmetrica ed irregolare.

La base della basetta coincideva in altezza d’aria all’incavo della bocca, dove si incontravano le labbra, e veniva solitamente rasate o tagliate con le forbici molto più corte, mentre le basette sfumate, diventavano via via salendo sempre più folte e piene. La loro forma somiglia molto a quella della penisola italiana. C’è un pò di rock anche nella nostra morfologia territoriale!

2. Basette Anni 70

Beatles tipi di basette anni '70
Fonte: https://www.pinterest.it/pin/365706432226230339/

Le basette anni 70 si contraddistinguono nell’avere una striscia di peli sul viso che arriva quasi fino alla lunghezza della mandibola, senza però superarla. E’ tra i tipi di basette che richiedevano una minor manutenzione, in quanto la peluria facciale veniva lasciata crescere anche fino ad 1-2 cm, diventando un unicum con i capelli lunghi ed ondulati, di moda in quegli anni.

Nella foto qui sopra ci sono i Beatles, band leggendaria, che ha tracciato un solco destinato a cambiare per sempre le redini della storia Rock nel mondo. Oltre a cantanti, attori anche un calciatore Alex Del Piero ha indossato questo tipo di basetta nel 2005-06.

3. Basette a punta

Basette a punta
Fonte: https://www.pinterest.it/pin/172122016996683716/

Le basette a punta sono dei tipi di basette tra i più pratici e semplici da ottenere, che sono il prolungamento e completamento finale di un taglio di capelli maschile corto o di una rasatura corta a pelle su capelli afro, come quella in foto.

Da sempre molti personaggi di colore amano abbinare a complesse acconciature da uomo dei modelli di basette che via via si assottigliano, fino a diventare una punta così sottile da diventare quasi invisibile, basette che vengono ovviamente sfumate in dissolvenza. La barba viene rasata per rimarcare ancora più nettamente la basetta a punta conta e invisibile e la barba pulita e tagliata a pelle.

4. Basette dritte

Basette dritte a lunghezza normale
Fonte: https://www.pinterest.it/pin/497084877595639733/

Ma le basette fin dove devo farle? Fai quelle dritte e non ti sbagli mai! Un’idea pratica e concreta per le tue basette è quella di puntare su un classico della barberia ed acconciatura maschile, i tipi di basette dritte.

Queste basette vengono tagliate 2-3 mm sotto il lobo e leggermente sopra la linea d’altezza del trago, in questo modo avrai indicativamente delle basette che vanno bene sia con i peli più lunghi che con quelli più corti.

5. Basette alla Wolverine

Basette alla Wolverine
Fonte: https://www.pinterest.it/pin/293508100698657562/

L’attore Hugh Jackman incarna alla perfezione, con la sua barba dura e rude, l’identikit di Wolverine, il mutante dei fumetti che è dotato di artigli ossei e di una capacità di rigenerarsi unica, insomma un uomo sovrannaturale.

Quindi immagini che potere magnetico potrai avere se deciderai di scegliere dei tipi di basette alla Wolverine, un modello simile a quello delle basette a costole di montone ma con un profilo più contornato grazie all’utilizzo di un rasoio modellante. 

Le basette quando sono lunghe e collegate sia alle guance che al mento prendono il nome di favoriti.

6. Basette a costola di montone (Mutton Chops)

Basette alla costola di montone
Generale Ambrose Burnside

E’ essenzialmente uno tra i tanti tipi di barba che prevede delle basette collegate dal loro punto di origine fino al mento, ad eccezione del baffo e delle due lunette laterali sottostanti alle labbra, che vengono rasate completamente.

Come modello ci riferiamo ad una basetta che ha fatto la storia di questo tipo di modello facciale e che aveva il generale Ambrose Burnside durante la Guerra Civile americana, il quale la ideò e la rese pubblica anche ad altri regnanti, come Francesco Giuseppe I d’Austria, dal quale prese invece nome di basetta alla Cecco Peppe o Francesco Giuseppe.

7. Basette alla Ibsen

Tipi di basette alla Ibsen
Henrik Ibsen

Sul poeta, drammaturgo e regista teatrale norvegese Henrik Ibsen tutto si può dire, tranne che non avesse dei tipi di basette da “personaggio” vero e proprio.

Io le chiamerai basette a forma di polmoni, dato che si prolungano dall’orecchio fino al meno in una maniera spaventosa, si allungano a vista d’occhio, formando dei triangolini davvero bizzarri ed unici.

La forma è simile a due triangoli rettangoli ed il colore è brizzolato.. a proposito, vi consiglio una tinta per barba sempre e comunque, in modo da correggere colori bianchi od ingiallenti dei peli facciali.

Come tagliare le basette

Come tagliare le basette

Inizialmente, tagliare e modellare le basette seguendo uno stile o un modello di riferimento desiderato può apparire e diventare una vera tribolazione. Ad ogni modo, una volta che avrai imparato dei passaggi basiari, ti renderai conto che non è davvero complicato tagliare le basette, e che potrai farlo in tutta autonomia anche a casa tua.

Per tagliare correttamente le basette, avrai bisogno di un rasoio, per regolare l’altezza e lo spessore delle basette,l’importante è che sia un prodotto di assoluta qualità.

Tuttavia, piuttosto che qualsiasi rasoio, consigliamo vivamente uno shavette, il perché è lapalissiano, essendo un rasoio diritto, che va ad utilizzare le stesse lame dei rasoi di sicurezza, avrai un prodotto estremamente tagliente e preciso, ma anche versatile, per modellare e delineare le basette come meglio desideri.
Inoltre è uno strumento perfetto per il contouring ed il tracciamento di linee precise e geometriche sulla barba, dunque se desideri una basetta a costoletta di montone, con il rasoio shavette potrai farla estremamente puntuale e fedele al modello di Burnside!
Puoi modellare facilmente le basette con i seguenti passaggi:
  1. Usa prima i regolatori per regolare la lunghezza dei capelli delle basette, impostando una lunghezza tra i 4 e 6 mm per basette di media lunghezza e 7-10 per quelle folte che accompagnano dei capelli lunghi.
  2. Raditi attorno alle basette ma lasciandole molto più lunghe e doppie di quanto in realtà desideri. Ti servirà un margine d’errore, in modo da rimanere comunque tranquillo e non rischiare di dovere togliere le basette.
  3. Ognuno ha può avere delle orecchie ballerine, non propriamente regolari o ben centrate in testa, utilizza un naso come linea immaginaria di riferimento per l’altezza della basetta.
  4. Utilizza uno shavette per ridurre i contorni della lunghezza e della larghezza della basetta.
  5. Riduci lentamente ogni lato con incrementi fino a quando non sei soddisfatto della lunghezza e fino a quando non corrispondono tra di loro. Utilizza un pettine, perpendicolare al lobo per capire l’altezza di estensione della basetta su un orecchio. Ripeti il procedimento con l’altro per verificare che siano corrisposti.

Consigli per taglio delle basette

Taglio delle basette consigli

Come avrai notato sopra, ti ho consigliato di cominciare a definire le basette quando sono troppo grandi e larghe e dunque di procedere con il rimuovere la lunghezza in incrementi.

E’ facilissimo avere delle basette vacillanti, una più sottile ed una più doppia rispetto all’altra, che, piano piano, ti accorgerai di “aver mangiato” completamente le basette nel tentativo di “tappare buchi”.

Anche se sono leggermente troppo lunghi ma si adattano perfettamente alla lunghezza, puoi anche fermarti, dato che è altamente rischioso andare a rimodellarle, e, al 100% non otterrai nuovamente questa precisione una seconda volta.

Allo stesso modo, assicurati di tagliare le basette solo verso il basso e mai verso l’alto. Se tagli i peli del viso verso l’alto, rischerai di andare a fare dei veri e propri solchi!

Quando i capelli sono troppo lunghi non tagliarli direttamente col rasoio, ma passaci sopra prima un regolabarba, una volta che si sono appiattiti procedi con lo shavette o il rasoio.

Viso a forma di diamante

Viso a forma di diamante

I tipi di basette per le forme di viso a diamante possono essere utilizzate per andare ad ammorbidire la loro tipica caratteristica angolarità. Se le basette sono tagliate corte è importante assicurarsi che vengano rasate di netto, in modo da scongiurare il rischio di allargare ulteriormente gli zigomi.

In ogni caso le basette lunghe, che arrivano con un sacco di volume, trasmetteranno tutta la loro consistenza al viso, diminuendo l’effetto cesellato, caratteristico delle basette.

Viso di forma oblunga

Forma del viso oblunga

Le facce che hanno una forma oblunga possono andare bene con dei tipi di basette larghe e corte, per andare a rimpicciolire ed a snellire la forma ed i connotati del viso.

Se il tuo intento è quello di allungare il viso allora dovrai preferire delle basette più sottili e lunghe, invece, qualora il desiderio sia quello di aumentarne l’ampiezza allora saranno sicuramente più corte e slargate.

Le costolette di montone, per i tipi più ribelli torneranno utili nel caso in cui le dovrai utilizzare per accentuare la larghezza e lo spessore dei peli facciali laterali. Per ottenere una maggiore angolatura e modellare il viso per renderlo più squadrato dovrai striminzire la parte superiore, comprimendola e portandola in connessione con l’asta della barba.

Viso di forma ovale

Viso di forma ovale

 

La flessibilità e la versatilità che offre un viso di forma ovale non la può garantire nessun’altra tipologia di struttura facciale. Anche se, nella maggiorparte dei casi, il troppo volume conferito ad un viso di forma ovale, magari con delle basette folte e piene rischia di rendere la faccia piena e paffuta. E questo vogliamo assolutamente evitarlo!

Se invece la basetta giunge in parallelo con l’altezza del trago non è l’ideale in quanto l’effetto finale è quello di una mascella ed uno zigomo molto più marcati ed evidenti. 

Viso di forma rotonda

tipi di basette viso di forma rotonda

Con dei tipi di basette più lunghe e diritte, le tipologie di viso di forma rotonda ottengono i benefici maggiori, le quali vengono tagliate su dei tagli di capelli da uomo corti.

Per allungare la lunghezza del viso e creare una cornice visiva piacevole ed apprezzabile una rifinitura effettuata con il rasoio precisa è quello che ci vuole anche per dare una sterzata ad un viso uniforme e senza effetti speciali.

Per aumentare invece la larghezza del viso, assicurati di radere delle basette corte e ben voluminose, in modo da dare una forma quadrata, che darà più ampiezza alla tua faccia

Viso di forma quadrata

Viso di forma quadrata

Le caratteristiche del viso di forma quadrata sono dei valori molto bilanciati ed equilibrati tra di loro, che rendono giustizia a quasi la totalità dei tipi di basette.

Ti consiglierei solamente di mantenere le distanze da tutti quei tipi di basette che si prolungano fino al lobo ed oltre, perché tendono a fissare e fossilizzare maggiormente la forma quadrata del viso. In questo modo si enfatizza troppo la forma già sufficientemente proporzionata della faccia quadrata. 

Si a volume, ma non eccessivamente, altrimenti la trama complessiva del viso potrebbe tramutarsi in rotondità nella forma non propriamente armoniose.

Viso di forma triangolare

Viso di forma triangolare tipi di basette

Per la forma di viso triangolare invece prevedo la scelte di particolari tipi di basette larghe ma al contempo corte che potranno fornire la larghezza della quale hanno un’urgente bisogno gli zigomi e di mettere una toppa sulla ganascia larga ed estesa sul volto.

Invece, se sei un uomo che preferisce delle basette di forma allungata potrai farlo lo stesso, e, in più andrai ad aumentare anche la superfice del viso in corrispondenza del mento.

Taglia le lunghezze di capelli in eccesso in modo da bilanciare il viso triangolare e al tempo stesso anche la struttura nella sua totalità.

Storia delle basette

Basette nella storia

 

L’etimologia e la storia delle basette risale alla Guerra Civile americana, in inglese il termine basette si traduce Sideburn, ed adesso scoprirai la sua intrigante origine etimologica.

Il generale dell’Union americana, Ambrose Burnside, aveva una barba lunga e folta, davvero bizzarra e stravagante, insolita per un uomo del diciannovesimo secolo.

La particolarità della sua barba era che scendeva lungo le guance fino a congiungiersi con il baffo, negli USA, queste basette da uomo prendono il nome di Mutton Chop, ovvero Costolette di Montone, per la forma di barba, basette e baffo simile a quella del maschio della pecora.

Ora le conosciamo come Mutton Chop, ma un giorno venivano anche conosciute come Side Whiskers ovvero “Baffi laterali”, per la loro lunghezza simile a quella di un baffo estesa su tutto il viso.

Malgrado le due battaglie, con esito negato di Fredericksberg e quella di Antietam, la leadership del generale Burnside non rimase ignota, complice soprattutto lo stile iconico della sua basetta lunga e folta.

Origine etimologica delle basette in USA/UK

Fu il Philadelphia Evening Telegram, nel 1866, a dedicare a questo modello di barba l’appellativo ufficialmente riconosciuto di “Whiskers Burnside” ovvero le “Burnside laterali” dal cognome del leader dell’Union americana.

Subito divenne famosa in tutto il mondo, ed ebbe grande promozione tanto che altri leader e generali mondiali, come ad esempio Francesco Giuseppe I d’Austria decise di riproporre queste basette lunghe su sé stesso.

Il regnante d’Austria però modificò la lunghezza e la forma della basetta a piacimento, aggiungendo così un pizzico di unicità nella realizzazione. Tantissimi seguaci austriaci imitavano lo stile del loro leader proprio come simbolo di rispetto e veneranda ammirazione.

A Londra, tra il 1840 ed il 1870, le cosiddette costolette di montone, furono proclamate dal pubblico inglese come “Piccadilly Weepers” ovvero il “Piagnucolone di Piccadilly”, successivamente invece la stampa corresse l’accezione da Burnside, cognome del generale a Sideburns ovvero “basette” come le conoscono gli inglesi ed americani oggi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Gentiluomo

Signori si nasce, non si diventa.