Barba rossa capelli diversi

Barba rossa e capelli diversi perché accade?

Barba rossa diversa dai capelli
Le barbe sono molto di moda in questo periodo, e questo non può che farti piacere, specialmente se hai una barba rossa e ben visibile.
Cavoli, puoi addirittura vincere dei premi solo per aver scelto di portarne una.
Ma se stai lasciando crescere la tua chioma facciale proprio adesso, potresti aver notato che i capelli sul mento non sempre corrispondono a quello che invece hai sulla testa.

E per molti ragazzi, quella differenza è contrassegnata da una sorprendente quantità di baffi e di peli rossi. Bene, se sei uno di quei giovanotti col mento rosso, oggi voglio darti una lieta novella: la scienza è qui per spiegare il fenomeno follicolare.

Spiegazione scientifica dietro la barba rossa

Spiegazione scientifica dietro barba rossa

È relativamente raro vedere una chioma di capelli o una barba rossa: solo l’1-2% degli esseri umani sono rossi naturali. Quindi, ti potrebbe capitare di osservare un uomo che sfoggia una barba completamente rossastra, perché, in particolar modo se è tutta rossa è davvero una rarità.

Qual è la scienza dietro queste barbe curiose, specialmente tra gli uomini con delle chiome scure, bionde o addirittura brizzolate?

Questo colpo di fortuna follicolare non di certo sfuggito dall’occhio attento di Nina Jablonski, una professoressa di antropologia alla Penn State University, la cui ricerca si è concentrata sulla biologia ed origine per la tonalità dei capelli. “Ho osservato molti individui, soprattutto giovani, uomini con barba rossa e capelli rossi ed altri con barbe rossastre e capelli castano chiaro, biondo o biondo rosso“.

La maggior parte delle teste rosse proviene e vive in paesi celtici come la Scozia, l’Irlanda (Ed Sheeran è un esempio, i suoi nonni erano irlandesi) e il Galles, seguiti dall’Inghilterra e dalle nazioni nordiche.
Forse prevedibilmente, queste trecce rosse esistono a causa di una mutazione genetica. In particolare, una mutazione in un gene noto come “MC1R”.
Questo pigmento è riconducibile al gene MC1R, che tra le altre cose:
  • Controlla la produzione di pigmento nelle cellule ciliate
  •  È frequente ritrovarlo in soggetti aventi la pelle chiara
  • Dona una scarsa capacità di abbronzatura
  • Amplifica la percezione del dolore: questo spiega come mai un anestetico locale è meno efficace per chiunque abbia i capelli di colore rosso.

“I geni che determinano il colore dei capelli sono i cosiddetti tratti ereditari dominanti incompleti. Questo sta a significare che non esiste un singolo gene dominante sugli altri, ma tutti i geni si influenzano a vicenda, e tutti concorrono per il colore finale, in questo caso della tua barba rossa“, come spiega lo specialista dell’Erfocentrum, Petra Haak-Bloem.

In parole povere, ciò significa che anche se un gene che predispone ai capelli castani è dominante nella tua famiglia, un altro gene per i capelli o la barba rossa potrebbe essere comunque presente nel tuo codice genetico (DNA) e dare il colore rosso a zone o peli specifici. Una componente genetica non esclude l’altra!

Questione di melanine

Questione di melanine

Il colore dei capelli è determinato dal rapporto tra due diversi pigmenti; l’eumelanina, la quale è responsabile dei toni neri e scuri e la feomelanina quella invece dei biondi e dei rossi. Le persone con i capelli neri o castano scuro probabilmente avranno per la maggior quantità eumelanina, o almeno sarà il pigmento dominante.

I biondi, nel frattempo, hanno meno di entrambi i tipi di pigmento rispetto ai loro amici dai capelli più scuri e dai capelli rossi. E le rosse, ovviamente, hanno principalmente feomelanina con tricosiderina, una terza melanina, tipica delle popolazione britanniche, molto ricca di minerali di origine ferrosa.

Un ruolo del gene MC1R è quello di codificare una proteina chiamata melanocortina, il cui compito è di convertire il pigmento rosso in quello nero. Ma se una persona ha una doppia mutazione in questo gene, le sue proteine ​​risultanti non sono così efficaci, il che porta a ciocche rosse.

Allora, cosa succede quando una persona ha la barba rossa, per esempio in abbinamento ad una chioma castana? La risposta ha alcune risposte genetiche molto curiose in gioco.

“Ciò sarà quasi certamente dovuto all’espressione differenziale di MC1R nei follicoli dei peli della barba rispetto ai capelli del cuoio capelluto, con conseguente produzione di una diversa miscela di eumelanina marrone scuro e feomelanina giallo-rossa, senza dimenticare la tricosiderina”, ha aggiunto Jablonski.

In altre parole, lo stesso gene si comporta in modo diverso in diverse parti del corpo e probabilmente è perché c’è solo una singola mutazione del gene MC1R, piuttosto che una doppia mutazione, il che significa che la persona è effettivamente portatrice del gene rosso.

Il fenomeno si verifica anche in alcuni uomini che invecchiano, di solita una volta superati i 40 anni, probabilmente perché le cellule che producono pigmenti nei capelli del cuoio capelluto e della barba invecchiano a ritmi diversi.

Tutta colpa degli antenati

Quindi, se hai la barba rossa, qualcuno durante l’era genealogica della tua famiglia aveva i capelli rossi, ma quei geni possono manifestarsi in modo diverso in persone diverse attraverso generazioni diverse tra di loro. “È del tutto possibile che un lontano antenato avesse un colore di capelli che riappare improvvisamente attraverso una certa combinazione di geni, e questo può essere abbastanza inaspettato per i genitori, perché se entrambi sono biondi o castani, capisci bene che è un aspetto davvero insolito da testimoniare”, continua ancora il dottore Haak-Bloem.

In buona sostanza, se sei arrabbiato per avere la barba rossa che fa a cazzotti con i tuoi capelli castani, potresti sempre dare la colpa al cugino della nonna di tuo padre!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Gentiluomo

Signori si nasce, non si diventa.