Orologio e numeri romani: come sono rappresentati

I numeri romani sono uno dei design più classici che compaiono da tempo immemore sugli orologi.

Per quanto possiamo tornare indietro nella storia, ci sono sempre stati orologi, orologi da tasca e orologi da polso con numeri romani sui quadranti, dunque, nel 2020, non possiamo essere indietro riguardo l’esistenza di questi numeri romani.

Ad ogni modo, chiunque sia possessore di orologi con numeri romani potrebbero aver notato qualcosa di strano, qualcosa di piuttosto insolito.

IIII o IV: Perché negli orologi compare un Numero Romano diverso?

Numeri Romani sul Royal Day Date 2

Mentre il numero 4 è comunemente scritto IV nel sistema numerico romano, la maggior parte degli orologi si basa sulla tipografia IIII, ovvero le quattro stanghette verticali, delle quali ciascuna ha valore pari ad 1.

E ovviamente, proprio come noi, potresti esserti chiesto perché questa differenza di numerazione per quanto riguarda gli orologi da uomo?

Come sempre, non esiste un’unica risposta a un problema, ma ecco alcune possibili spiegazioni per questa domanda davvero curiosa ed importante.

Qual è la ragione?

In realtà non si tratta di un errore di conoscenza del latino o della numerazione romana, anzi: anche nell’antica Roma c’erano due diverse varianti per scrivere i numeri quello che prevedeva la somma dei numeri, creando così delle numerazioni estremamente lunghe, e quello detrattivo che invece abbreviava le diciture dei numeri il secondo metodo più utilizzato anche nel medioevo ed è quello maggiormente ed unanimamente acccettato dai più.

Ma ci sono diversi motivi per cui secondo il sistema di numerazione romano il 4 viene raffigurato con quattro stanghette e diverse motivazioni al seguito.

Facilità di lettura

Inoltre, allo stesso modo, il numero IIII è più facile da leggere rispetto al numero IV, soprattutto quando è capovolto, come spesso accade sugli orologi moderni, nei quali i numeri romani sono applicati o stampati radialmente (a raggiera, ovvero che puntano dal centro del quadrante).

Tuttavia, non una risposta definitiva, ma un mix di tradizioni, pratiche antiche e ragioni pratiche potrebbe spiegare perché l’industria dell’orologeria ancora, oggi, fa affidamento sull’uso di IIII sulla maggior parte dei quadranti con numeri romani. E, naturalmente, ci saranno sempre eccezioni alla regola!

Formula di addizione o sottrazione

Una prima risposta che giunge a noi è quella storica, che ci può fornire un primo spunto del motivo per il quale vediamo spesso utilizzato il quattro con la formula dell’addizione anziché quella della sottrazione.

Nel periodo storico dei Romani, è possibile notare che da alcuni degli scritti pervenuti i numeri latini venivano rappresentati con la formula dell’addizione e questo non era valido soltanto per l’eccezione del quattro, ma anche per il nove e per altri numeri decisamente più grandi.

Per conoscere i migliori modelli con gli indici in numero romano ti consiglio di consultare le offerte presenti su Amazon: CLICCA QUI.

Orologi coi Numeri Romani: La Storia

Orologi numeri romani 4 stanghette

E fu sempre nello stesso peridoo romano,che questi numeri romani, per esigenze di scrittura anche più veloce, ridotti con la formula dellla sottrazione creando così i simboli che oggi sono alla portata ed alla conoscenza di tutti. Il quattro però anche quando si era accettata la formula sottrattiva, venne spesso descritto sempre con le stanghette (IIII), perché era i romani non volevano scrivere IV dato che queste erano anche le iniziali coincidente col nome della divinità suprema dei romani, Giove,che era scritto come IVPPITER in latino.

Nel Medioevo invece si invertì la rotta, prediligendo il metodo sottrattivo, anche e soprattutto per indicare l’ordine temporale dei regnanti (Re) dopo il loro nome.

Nel 1300 invece l’orologio astronomico della Cattedrale di Wells fu tra i primi a trascrivere  il numero quattro con il numero latino con le 4 stanghette, ovvero IIII ( la formula dell’addizione  prevede appunto che l’I romano venga reiterato per ben 4 volte).

Questa pratica, però non fu tacitamente accettata da tutti, basti pensare che sempre in Inghilterra l’orologio della Torre di Westminster conosciuto con il nome di Big Ben presenta un quadrante con numeri in romano ed il 4 è rappresentato con la formula della sottrazione (IV). 

Il re Luigi XIV di Francia presumibilmente preferiva la notazione IIII rispetto a IV, forse per le stesse vane ragioni che Giove non voleva due lettere del suo nome su una meridiana, e così ordinò ai suoi orologiai di usare la prima.

Alcuni orologiai successivi seguirono la tradizione, e altri no. I problemi qui sono che questa storia è raccontata in connessione con molti altri monarchi, e IIII è stato utilizzato anche in aree in cui non c’era nessun re con un IV nel titolo per opporsi alla notazione sottrattiva.

Come scrivere i numeri romani

Cartier orologio numeri romani

Ecco le regole del sistema di numerazione romano, per avere un’idea più chiara di come leggere ed intendere i numeri Romani

Quando un simbolo appare dopo un simbolo più grande (o uguale) viene aggiunto

  • Esempio: VIII = V + I + I + I = 5 + 1 + 1 + 1 = 8
  • Esempio: LXXX = L + X + X = 50 + 10 + 10 + 10 = 80

Ma se il simbolo appare prima di un simbolo più grande viene sottratto

  • Esempio: IV = V – I = 5 – 1 = 4
  • Esempio: XIV = X + 5 – 1 = 10 + 5 – 1 = 14

Numeri Romani ed Arabi da 1 a 10.000

Numeri Arabi Numeri Romani Sommatoria
0 non definito
1 I 1
2 II 1+1
3 III 1+1+1
4 IV 5-1
5 V 5
6 VI 5+1
7 VII 5+1+1
8 VIII 5+1+1+1
9 IX 10-1
10 X 10
11 XI 10+1
12 XII 10+1+1
13 XIII 10+1+1+1
14 XIV 10-1+5
15 XV 10+5
16 XVI 10+5+1
17 XVII 10+5+1+1
18 XVIII 10+5+1+1+1
19 XIX 10-1+10
20 XX 10+10
21 XXI 10+10+1
22 XXII 10+10+1+1
23 XXIII 10+10+1+1+1
24 XXIV 10+10-1+5
25 XXV 10+10+5
26 XXVI 10+10+5+1
27 XXVII 10+10+5+1+1
28 XXVIII 10+10+5+1+1+1
29 XXIX 10+10-1+10
30 XXX 10+10+10
31 XXXI 10+10+10+1
32 XXXII 10+10+10+1+1
33 XXXIII 10+10+10+1+1+1
34 XXXIV 10+10+10-1+5
35 XXXV 10+10+10+5
36 XXXVI 10+10+10+5+1
37 XXXVII 10+10+10+5+1+1
38 XXXVIII 10+10+10+5+1+1+1
39 XXXIX 10+10+10-1+10
40 XL 50-10
41 XLI 50-10+1
42 XLII 50-10+1+1
43 XLIII 50-10+1+1+1
44 XLIV 50-10-1+5
45 XLV 50-10+5
46 XLVI 50-10+5+1
47 XLVII 50-10+5+1+1
48 XLVIII 50-10+5+1+1+1
49 XLIX 50-10-1+10
50 L 50
51 LI 50+1
52 LII 50+1+1
53 LIII 50+1+1+1
54 LIV 50-1+5
55 LV 50+5
56 LVI 50+5+1
57 LVII 50+5+1+1
58 LVIII 50+5+1+1+1
59 LIX 50-1+10
60 LX 50+10
61 LXI 50+10+1
62 LXII 50+10+1+1
63 LXIII 50+10+1+1+1
64 LXIV 50+10-1+5
65 LXV 50+10+5
66 LXVI 50+10+5+1
67 LXVII 50+10+5+1+1
68 LXVIII 50+10+5+1+1+1
69 LXIX 50+10-1+10
70 LXX 50+10+10
71 LXXI 50+10+10+1
72 LXXII 50+10+10+1+1
73 LXXIII 50+10+10+1+1+1
74 LXXIV 50+10+10-1+5
75 LXXV 50+10+10+5
76 LXXVI 50+10+10+5+1
77 LXXVII 50+10+10+5+1+1
78 LXXVIII 50+10+10+5+1+1+1
79 LXXIX 50+10+10-1+10
80 LXXX 50+10+10+10
81 LXXXI 50+10+10+10+1
82 LXXXII 50+10+10+10+1+1
83 LXXXIII 50+10+10+10+1+1+1
84 LXXXIV 50+10+10+10-1+5
85 LXXXV 50+10+10+10+5
86 LXXXVI 50+10+10+10+5+1
87 LXXXVII 50+10+10+10+5+1+1
88 LXXXVIII 50+10+10+10+5+1+1+1
89 LXXXIX 50+10+10+10-1+10
90 XC 100-10
91 XCI 100-10+1
92 XCII 100-10+1+1
93 XCIII 100-10+1+1+1
94 XCIV 100-10-1+5
95 XCV 100-10+5
96 XCVI 100-10+5+1
97 XCVII 100-10+5+1+1
98 XCVIII 100-10+5+1+1+1
99 XCIX 100-10-1+10
100 C 100
200 CC 100+100
300 CCC 100+100+100
400 CD 500-100
500 D 500
600 DC 500+100
700 DCC 500+100+100
800 DCCC 500+100+100+100
900 CM 1000-100
1000 M 1000
5000 V
10000 X
50000 L
100000 C
500000 D
1000000 M

Anni espressi in Numeri Romani

Anni in Numeri Arabi Anni in Numeri Romani
1000 M
1100 MC
1200 MCC
1300 MCCC
1400 MCD
1500 MD
1600 MDC
1700 MDCC
1800 MDCCC
1900 MCM
1990 MCMXC
1991 MCMXCI
1992 MCMXCII
1993 MCMXCIII
1994 MCMXCIV
1995 MCMXCV
1996 MCMXCVI
1997 MCMXCVII
1998 MCMXCVIII
1999 MCMXCIX
2000 MM
2001 MMI
2002 MMII
2003 MMIII
2004 MMIV
2005 MMV
2006 MMVI
2007 MMVII
2008 MMVIII
2009 MMIX
2010 MMX
2011 MMXI
2012 MMXII
2013 MMXIII
2014 MMXIV
2015 MMXV
2016 MMXVI
2017 MMXVII
2018 MMXVIII
2019 MMXIX
2020 MMXX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Gentiluomo

Signori si nasce, non si diventa.