Audemars Piguet 2018 SIHH

Audemars Piguet 2018: le novità presentate al SIHH

0 Condivisioni

I modelli Audemars Piguet 2018 sono stati presentati, con forte stupore e meraviglia, durante la collezione di due anni fa al SIHH (Salon International de la Haute Horlogerie) diventato ormai Watches and Wonders Geneva.

Tra i segnatempo AP proposti ritroviamo rivisitazioni dei Royal Oak (i primi modelli risalgono a circa 25 anni fa, altri come l’AP 15300 quasi 50), con molte versioni Offshore ed infine i Millenary, rivisitati con nuovi movimenti. 

Audemars Piguet 2018: Royal Oak RD#2

Audemars Piguet 2018 Royal Oak RD#2

Il primo giorno al SIHH è ormai segnato, negli annali di storia, per le produzioni di Audemars Piguet 2018, che ha prodotto dozzine di nuovi orologi quest’anno e tantissimi “watch-lovers” non vedevano l’ora di visionare i nuovi Royal Oak, come l’RD#2.

Ad essere sinceri però, ce n’era uno che risaltava agli occhi, rispetto a tutti gli altri: ovvero il Royal Oak RD # 2 Perpetual Calendar Ultra-Thin.

Il Royal Oak RD#2 rappresenta un vero record per un orologio ultrasottile, il quale è attualmente il calendario perpetuo automatico più sottile di qualsiasi marca al mondo mai prodotto, ed è un dato di fatto. Con uno spessore di 6,3 mm, è più sottile di qualsiasi Royal Oak attualmente in produzione. Per il prezzo ci aggiriamo intorno agli 80.000,00 fino a superare leggermente i 100.000,00 euro (da privato).

Royal Oak RD#2: mai così sottile

Il Royal Oak RD#2 è più sottile di un Jumbo; incredibile vero? E’ più sottile di orologi di lusso al quarzo da donna della Royal Oak da 33 mm, ed è sconvolgente.

Audemars Piguet ha raggiunto questo scopo pensando fuori dagli schemi e avvicinandosi al progetto RD#2 da una prospettiva di semplificazione radicale e l’ha evidenziato con i modelli Audemars Piguet 2018.

Secondo l’azienda, la risposta alla domanda su come contenere o ridurre lo spessore del loro calendario perpetuo era quello di combinare funzioni e caratteristiche che una volta richiedevano meccanismi separati in componenti singolari, e dunque più ingombranti.

In questo modo, AP ha ridotto il suo perpetuo da un movimento a tre livelli, con ruote e ingranaggi sovrapposti l’uno sull’altro, a un meccanismo con un’unica fila piatta di componenti interagenti che, in alcuni casi, svolgevano funzioni un tempo distinte.

Il movimento dell’Audemars Piguet 2018 Royal Oak RD#2 è il calibro 5134, a carica automatica e, come abbiamo potuto osservare, estremamente sottile: 2,89 millimetri di spessore riescono nell’impresa di contenere un movimento sviluppato su 3 livelli in 1 solo.

I materiali costruttivi sono di pregevole fattura, ed assemblati all’interno con precisione millimetrica: la cassa in platino è di 41 millimetri con 6,30 mm di spessore totale. Il bracciale è realizzato in platino ed il quadrante ha una trama “Grande Tapisserie” rendendo questo orologio di lusso davvero eccezionale.

Royal Oak RD#2 Rose Gold Skeleton

Audemars Piguet 2018 Royal Oak RD#2 Rosa oro scheletro

Durante il SIHH è stato presentato anche il modello per lei, ovvero il Royal Oak Doppio Bilanciere Scheletrato. Questo modello è alimentato da un movimento/calibro 3132, nel quale l’asse contiene 2 bilancieri e 2 molle, riuscendo, ad ogni modo, a garantire comunque un diametro di cassa uguale a 41 millimetri.

Garantisce escursioni sott’acqua fino ad un massimo di 5 ATM, ovvero 50 metri e presenta una cassa spessa 9,90 mm, circa 3,60 mm in più della sua versione “maschile”. La cassa è realizzata in oro rosa 18 carati, lunetta fissa e quadrante grigio ardesia, con lancette color oro rosa.

Visto che è un modello femminile, l’oro rosa e quello bianco sono quasi una scelta condizionata, e l’appeal dell’orologio è quanto di più etereo e leggiadro possibile.

Il prezzo varia da un minimo di 70.000,00 fino a toccare anche cifre come i 125.000,00 euro (da privato)

Audemars Piguet 2018: Royal Oak Concept Flying Tourbillon GMT

Audemars Piguet 2018 Royal-Oak-Concept-Flying Tourbillon GMT

 

Tra i segnatempo Audemars Piguet 2018, per il 25° anniversario dell’Offshore, non poteva mancare il Concept Flying Tourbillon GMT, un orologio futuristico, tenebroso, il quale potrebbe essere benissimo l’orologio ufficiale di Batman, e guardando la foto capirete subito il perchè!

Il modello si ispira ai prodotti dell’Hi-Tech, garantendo un’autonomia straordinaria, di 237 ore, e lo stile è quello spaziale e progressista di quest’otto-volante dell’Alta Orologeria.

La cassa dell’AP Concept Flying Tourbillon è lavorata in titanio sabbiato e monta un calibro 2954 efficientissimo (24 pietre ed un’oscillazione a 3 Hz) mentre i dettagli relativi alla corona ed ai pulsanti sono in ceramica. Ha un diametro di 44 mm e spesso 16,1 mm e tra gli Audemars Piguet lanciati al SIHH è tra i più grandi. Buona anche l’impermeabilità fino a 100 metri.

L’aspetto della nuova generazione di Royal Oak Concept Flying Tourbillon GMT ha l’aspetto asimmetrico dell‘architettura moderna, con ponti ridisegnati e il tourbillon volante completamente svelato a ore 9. Un potente mix di titanio sabbiato e ceramica nera, con circa 10 giorni di riserva di carica (237 ore).

Il prezzo appena uscito era di 28.500,00 euro, ma le continue oscillazioni dei valori di mercato e l’aumento fisiologico del prezzo tra i privati lo porta a costare fino a 160.000,00 euro, una cifra astronomica!

Audemars Piguet 2018: Royal Oak Tourbillon Extra-Thin

Audemars Piguet 2018 Tourbillon Extra-Thin Royal Oak

E’ dal 1986 che Audemars Piguet iniziò ad offrire il modello Tourbillon più sottile al mondo, con una cassa di soli 5,5 mm di spessore.

Da allora, hanno continuato a fare passi da gigante nel mondo dell’Alta Orologeria, combinando costantemente eccezionali prodezze ingegneristiche con un design estetico astuto e raffinato. Quasi 30 anni dopo ecco l’Audemars Piguet 2018 Royal Oak Tourbillon Extra-Thin (Extra-Piatto), un esemplare esemplare dell’ingegnosità e dell’innovazione di AP.

Il design resta fedele a quello di Audemars Piguet, l’orologio combina l’importanza storica del Royal Oak con la robustezza e versatilità di un orologio sportivo, risulta quindi in perfetto equilibrio tra l’essere discreto ed avere un design complicato.

Royal Oak Tourbillon Extra-Thin ha una cassa di 41 mm, dalle dimensioni perfette, che si adatterebbe idealmente a qualunque polso. Lo spessore è invece di 8,95 mm (leggermente più grande dell’AP Jumbo, che è 8,1 mm), slim ed elegante. Il calibro è una manifattura AP 2924, mentre la lunetta è ottagonale in platino con 32 zaffiri blu e con un quadrante “Tapisserie Evolutive” della versione “Petite”, per intenderci la stessa dell’Audemars Piguet 14790.

Nonostante sia un orologio in platino, è sorprendentemente leggero. Questo pezzo è classico, elegante e facilmente abbinabile con l’abbigliamento, che sia formale o casual. Il tourbillon è una bella aggiunta ad un pezzo che, già di per sé, risulta perfetto. L’orologio ha una profondità nominale di 50 metri per le immersioni. Il prezzo è invece su richiesta, in quanto è un modello abbastanza di nicchia.

 

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il Gentiluomo

Signori si nasce, non si diventa.